Cross-Dressing

Fare finta di essere del sesso opposto

Norah Vincent als Mann
Norah Vincent come Ned

Cross-dressing è il termine usato per descrivere l'uso di abiti e gioielli dell'altro sesso e il comportamento associato.

Qui non è la rappresentazione nel teatro che si intende, ma quella nella vita reale.

C'è tutta una serie di motivi per un tale cambio di rotolo.
Relativamente spesso le donne si trasformano in abiti da uomo quando i tempi sono incerti o in guerra.

Nel caso di Johannes Anglicus alias Pope Johanna, anche questo fenomeno dovrebbe essere indagato. Solo il passaggio dall'aspetto femminile a quello maschile è interessante.

Donne in abiti da uomo

Studi soziologici dimostrano che le donne si travestino uomini soprattutto in tempi incerti o durante le guerre.

Dorothy Lawrence come soldato
Dorothy Lawrence
come soldato
Si parla anche di «War Time Crossdressing» (crossdrssing in tempo di guerra).
A causa della mancanza di prospettive nel ruolo femminile o per convinzione personale (C.F. Meyer, Gustav Adolfs Page), le donne nate in abiti maschili, si sono comportate di conseguenza e spesso non sono state scoperte o sono state scoperte dopo molto tempo. E' un modo per sfuggire alle circostanze avverse. Le donne portano abiti da uomo perché sperano che in questo modo possano evitare lo stupro, che è particolarmente comune in situazioni di guerra. Ci sono anche casi noti di prigionieri che fuggono in abiti dell'altro sesso (Golo Mann, Una vera storia).

Noto è il caso di Dorothy Lawrence, la giornalista inglese apparsa come soldato nella Prima Guerra Mondiale.

Gli studi sociologici dei tempi moderni dimostrano come Norah Vincent, che nell'esperimento si chiamava Ned, si infiltra credibilmente in varie organizzazioni maschili con i mezzi più semplici come l'abbigliamento adattato, la formazione linguistica e gli studi sul movimento. Tra le altre cose, viveva in un monastero cattolico e non è rimasta scoperta. (1)

Johanna (Giovanna), la ragazza di Magonza, che più tardi divenne Papa, è nata proprio in un tempo simile. Per approfondire la sua formazione e per poter proseguire gli studi di suo interesse, la giovane donna entrò in un monastero maschile come uomo vestito.
E ovviamente la sua sete di conoscenza, la sua intelligenza e la sua formazione del cuore erano molto grandi. In seguito si distinse per questo e per questo motivo fu molto apprezzata dal suo predecessore nell'ufficio pontificio, Benedetto III. Queste qualità portarono al fatto che questo Cardinale Diacono era stato finalmente eletto Papa; questo, naturalmente, partendo dal presupposto che fosse un uomo. Le abitudini di abbigliamento nel IX secolo dell'Impero Franconiano differivano poco tra uomini e donne. Bastava accorciare le tuniche e indossare i capelli in una sorta di taglio da paggio; i monaci indossavano la tonsura, ma non la barba.


Fonti

(1) Norah Vincent, Self-Made Man: One Woman's Journey Into Manhood and Back Again, 2009

Immagine «Dorothy Lawrence »: Di dominio pubblico