Papessa Giovanna è un personnagio storico

Approccio: La storia si basa su un dato di fatto, ma è stata modificata.

L'esistenza di una donna Papa è stata provata da numerosi scienziati moderni.
Hanno raccolto numerose prove a sostegno di questa tesi.

Questi sono essenzialmente - in aggiunta al lavoro elencato Martin von Troppau - documenti da Friedrich Spanheim, il Liber Pontificalis ufficiale del IX secolo, il cronista Conrad Botho come anche una lettera di Anastasius al Papa Giovanni.
Inoltre, alcuni oggetti sono di grande interesse: Nel Laterano c'erano due sedie in pietra poltroni con un foro nella sede (oggi nei Musei Vaticani). Rivelano anche monete con monogrammi del tempo in questione.

Va menzionata anche una dichiarazione di Jan Hus davanti al Consiglio di Costanza del 1413.


Martin von Troppau

Martin von Troppau in abiti da vescovo
Martin von Troppau
in abiti da Vescovo

Martin von Troppau (ca. 1220/1230 fino dopo il 22 giugno 1278) si chiama anche Martin Polonio (veniva dalla Polonia).
Il domenicano scrisse la più diffusa cronaca latina del Medioevo. Nella sua relazione egli scrive di un papa che si dice sia stata una donna.

Il testo nella lingua odierna:

Secondo il suddetto Leone, Giovanni, inglese originario di Magonza, esercitò la presidenza di Pietro per due anni, cinque mesi e quattro giorni, dopo di che il pontificato rimase vacante per un mese. E' morto a Roma. Si diceva che fosse una donna.
...
Anche lei non è stata inclusa nella lista dei Santi Papi, sia per il suo genere femminile, sia per la bassezza delle sue azioni. (1)

La relazione 1277 ha innescato una marea di altre relazioni e di accesi dibattiti. Hanno avuto inizio nel Medioevo e continuano fino ad oggi.


Friedrich Spanheim

Friedrich Spanheim
Friedrich Spanheim
Friedrich Spanheim (1632-1701) era un teologo protestante e storico della chiesa. Nato a Ginevra, ha insegnato a Heidelberg e infine a Leiden (NL)

Egli riferisce di una lettera al bibliotecario Anastasius (morto 879).
In questa lettera Anastasio ricevette l'ordine di cancellare Papa Giovanna d'Arco dai documenti ufficiali dello Stato Pontificio. (2)

La lettera non può più essere trovata oggi - persa o distrutta.
Il documento è ancora documentato nella letteratura specializzata del XVII secolo.


Liber Pontificalis del IX secolo

Anche il Liber Pontificalis ufficiale del IX secolo contiene testimonianze leggermente nascoste.
Le biografie dei papi sono raccolte cronologicamente in questo libro dei papi.
È conservata solo da copie successive.

La prima copia risale all'XI secolo, ben prima della relazione di Martin von Troppau.
E' conservato a Parigi e mostra alcune anomalie:
Da un lato la descrizione della vita di Papa Leone IV. si interrompe bruscamente, raggiunge solo fino a circa 853. Nemmeno l'ultima parola è stata finita. Il resto della pagina è rimasto vuoto.

Secondo altre copie, ci si aspetterebbe che seguisse la breve biografia di papa Benedetto III. Tuttavia, questo rapporto di vita è completamente mancante.
Si trova invece la descrizione di un papa di cui non viene menzionato il nome. Si dice che abbia sepolto il suo predecessore Benedetto III. Ci sono molte indicazioni che questo Papa "senza nome" era Papa Giovanni VIII o addirittura la Papessa.

La teolog Joan Morris presuppone che Martin von Troppau abbia letto questo manoscritto. A causa dei rimborsi non poteva più classificare in modo sicuro il pontificato del "Papa senza nome". Ha messo subito dopo Leone IV...
La maggior parte degli scienziati ha seguito questo assunto da allora.
Oggi sono note altre fonti che dimostrano che questa ipotesi non può essere vera.


Conrad Botho

Sigillo di Lodovico II
Sigillo di Lodovico II

Il cronista Corrado Botho riferisce dell'incoronazione dell'imperatore carolingio a Roma.

Secondo questi documenti, Papa Giovanni VIII ha effetuato l'incoronazione dell'Imperatore Carolingio nell'856. Il nome dell'imperatore: Ludovico II, chiamato anche Ludovico il Tedesco, che regnò dall'855.

Botho non sembra aver saputo che stava descrivendo la Papessa con esso, perché non dice che il Papa era una donna.

La sua relazione è corretta se il suo pontificato è impostato per gli anni da 856 a 858.
Se si segue la lista papale ufficiale, in questo periodo Benedetto III sarebbe Papa, il che è in contraddizione con le informazioni documentate.


Anastasius

Anastasio era un sacerdote a Roma con una carriera movimentata.
Fu cardinale sacerdote, fu scomunicato, gareggiato con il futuro Benedetto III per il trono papale, fu per un breve periodo di tempo contro-papa. Infine, è tornato al ministero ecclesiastico ed è stato proclamato membro della Chiesa e Bibliotecario sotto il pontificato di Adriano II .
È importante di sapere che Anastasio ha incluso la sua rispettiva posizione nella designazione come mittente, il che rende possibile datare le sue lettere. Solo alla fine si è chiamato Anastasius Bibliothecarius. (3)

C'è una lettera da lui a Papa Giovanni - che probabilmente era una donna.
A causa della titolatura di Anastasio, la lettera può essere datata prima dell'858, molto prima che Anastasio diventasse bibliotecario. Tra l'855 e l'858 - il tempo del presunto pontificato di Giovanna - firmò con «Exiguus», solo a partire dall'867 con «Bibliothecarius».

DOMINO COANGELICO IOHANNI SUMMO PONTIFICI ET UNIVERSALE PAPAE
ANASTASIUS EXIGUUS
Interpretata nuper decessore vestrae beatudinis Hadriano reverendae papa sancta octava et universali synodo indecomin et inconveniens arbitrarius sum septi mam universalem synodum, quae praesidente in vicariis suis beatae recordationis prae decessore vestro Hadriano apud Nicaeam secundo conveniens sub Hirene seu Constatino imperatoribus celebrata est non habere Latinos ... (4)

La lettera documenta l'esistenza di Giovanni Anglicus negli anni prima dell'858. Questa lettera riguarda il Sinodo del 794. Questo Sinodo era ancora eminentemente importante per l'impero franco negli anni 850.

Se, d'altra parte, la data di questa lettera è posta negli anni 870-880 - che chi nega la realtà storica di una donna come papa nega - questo non ha molto senso, perché sorgono nuove domande. Per maggiori dettagli, vedere pontificati.
Anche se l'ultimo Giovanni VIII era a capo della chiesa durante questo periodo, il contenuto sarebbe stato completamente superato: Da un lato, il titolo di Anastasio sarebbe inappropriato perché obsoleto, dall'altro lato, l'impero francone era in questo periodo successivo nella dissoluzione finale.


Poltroni in pietra

esame della mascolinità di Papa Innocenzo X
Esame della mascolinità
Nel Laterano c'erano due sedili in pietra, ognuno con un foro nella sua sede (oggi nei Musei Vaticani).

Fin dal Basso Medioevo, i nuovi Papi eletti hanno dovuto sottoporsi a una spiacevole prova su questi seggi: Il sesso maschile è stato testato per palpazione e il risultato è stato proclamato: "Duos habet et bene pendentes!

L'illustrazione a destra mostra l'esame di un Papa dopo la sua elezione. Il cardinale più giovane aveva il compito di verificare la mascolinità del nuovo Papa.

Questo rituale avrebbe dovuto prevenire un altro contrattempo con una donna mascherata.
Le spiegazioni contrarie non sono plausibili.


Monogrammi

Monogramma della Papessa Giovanna
Monogramma dells Papessa Giovanna
Durante il periodo in questione, i Papi hanno anche emesso monete.
Di norma, erano le cosiddette monete combinate. Il monogramma del Papa e il nome dell'Imperatore Carolingio regnante sono stati annotati su di essi.

Questa moneta mostra sul dritto il monogramma di un Papa IOHANIS con lettere combinate artisticamente. La scritta SCS PETRUS.
all'esterno. Il centro del dorso è riempito con il monogramma ROMA, spesso utilizzato. La scritta LVDOVVICUS IMPsull'esterno.

Ludovico II fu incoronato imperatore carolingio dal Papa nell'855 e ha governato fino all'876.

Numismatica e anche altre fonti indicano che Giovanni Anglicus o la Papessa Johanna come Giovanni VIII aveva iniziato il suo pontificato DOPO Benedetto III. La descrizione del Papa senza nome in Liber Pontificalis può essere spiegata solo in questo modo, perché riporta il diacono Giovanni, il più vicino collaboratore di Papa Benedetto III. Dopo la sua morte, il popolo di Roma elesse il diacono Giovanni come nuovo papa. Questo diacono Giovanni era probabilmente una donna sotto mentite spoglie, proprio Giovanna.
Informazioni più dettagliate nella sezione Biografia.


Jan Hus

Jan Hus (ca. 1370-1415 ca.) era un teologo e riformatore boemo.
Egli ha descritto la Bibbia come la massima autorità in materia di fede e quindi ha messo in discussione la posizione del Papa.
Pertanto è stato portato in tribunale presso il Consiglio di Costanza.

Di fronte a 20 cardinali, 49 vescovi e 272 teologi si giustificò: “La Chiesa non è stata la Chiesa non senza testa e senza un capo e senza un sovrano nei due anni e cinque mesi in cui Giovanna si è seduta sulla Santa Sede?
Nemmeno una volta in questo interrogatorio è venuta una contraddizione da parte della congregazione riguardo a Papessa Giovanna, né gli è stato richiesto di non recitare storie inventate. Questo anche se è stato bruciato sul rogo il 6 luglio 1415 come eretico. (6)



Risultato

Le prove così come sono presentate in questa pagina riempiono un intero libro specialistico. (5)
I rapporti di cronisti, lettere e monete sono stati esaminati attentamente e sono state elaborate correlazioni.

Manipulazioni nei documenti indicano che un Papa Giovanni deve essere esistito negli 850.
Un papa maschio sarebbe stato così costantemente cancellato dai documenti?

Più ovvio è che questo Papa era Giovanni Anglicus, che si chiamava Giovanni VIII ed era in realtà una donna - la Papessa.


Fonti

(1) Secondo Peter Stanford. Die wahre Geschichte der Päpstin Johanna. Deutsche Ausgabe. Rüttgen & Loening. Berlin. 2. Auflage 2000
(2) Stanford, 2009, 32-34
(3) Perels und Laehr, 1928
(4) Codex Vat. Reg. 1046. Abbildung in Morris, 1985, Fig. VI
(5) Michael E. Habicht, Päpstin Johanna. Ein vertuschtes Pontifikat einer Frau oder eine fiktive Legende? epubli GmbH. Berlin, 2018
(6) Stanford, 2009,   179-180

Immagine «Martin von Troppau»: Illustrazione nel libro di Martin von Troppau. Dominio pubblico
Immagine «Friedrich Spanheim»: Dominio pubblico
Immagine «Sigillo di Ludovico II.»: Dominio pubblico
Immagine «Sedia stercatoria»: Dominio pubblico
Immagine «Monogramma Johannes Anglicus.»: © M. E. Habicht